UN, DUE, TRE, FUOCO
Ekaterina Panikanova
#2012 / EKATERINA PANIKANOVA / One, Two, Three, Fire / November 23rd 2012 - January 10th, 2013 / ALL WORKS



EN
IT
  • z2o Sara Zanin Gallery is pleased to announce the first solo exhibition in Rome by the Russian artist Ekaterina Panikanova.
    In this exhibition, entitled Un, due, tre, fuoco (One, two, three, fire), the artist presents an unpublished series of works in which, with the use of an intense black mark, she intervenes on old books, notebooks and prints of different eras that could be seen both as supports and conceptual structures.
    The drawings recall childhood memories in a constant attempt to find again the most deep and close roots of our being.
    In particular, for the Errata Corrige series, the proposition of the artist is based on the metaphor of the oyster and the pearl: the entrance of the sand represents a stress element for the shell and starts the expulsion and the production of the pearl.
    This metaphor indicates that since childhood, everyone holds a storage of images, traumas and experiences that they carry for all their lives.
    The individual can consider them both as stress elements or the possibility of  transformation into pearls, occasions and possibilities.
    The metaphor of the oyster and the pearl is also connected with the image of the fire. So, the exhibition Un, due, tre, fuoco takes shape as a way tied to this natural element that can enlight or obscurate in the same time.
    Ekaterina Panikanova works with and without measured signs to construct a dense texture of symbolsand cultural archetypes that became one with the background  until the denial of the shapes, soaked up by the jet black that as the title evokes, is all that remains after the fire.
    Focusing on the theme of fire, the artist realized a new black and white video, in which the images flow as if they were pages of a book slowly flicked.

  • z2o Sara Zanin Gallery è lieta di presentare la prima personale a Roma dell’artista russa Ekaterina Panikanova. Con il titolo Un, due, tre fuoco l’artista presenta un ciclo di opere inedite dove con la forza di un segno pittorico nero e intenso interviene sulle pagine ingiallite di vecchi libri, quaderni di scuola e stampe di epoche diverse che trova nei mercatini dell’usato e che assumono la duplice funzione di supporto e struttura concettuale.
    I disegni rievocano il mondo dell’infanzia, in un perenne tentativo di ritrovare la radice più profonda e intima del proprio essere.
    In particolare per la serie degli Errata Corrige, l’assunto sul quale l’artista fonda il suo lavoro è quello della metafora dell’ostrica e della perla: l’ingresso della sabbia rappresenta un elemento di stress per la conchiglia e innesca l’espulsione, che si realizza attraverso la produzione della perla. Questo significa che sin dall’infanzia, ognuno di noi ha un bagaglio di immagini, traumi ed esperienze che porta con sé per tutta la vita. L’individuo può considerarli come elementi di stress oppure può trasformarli in perle, in occasioni e possibilità.
    La metafora dell’ostrica e della perla è legata anche all’immagine del fuoco. La mostra Un, due, tre, fuoco si configura quindi come un percorso legato a questo elemento naturale che può illuminare e offuscare allo stesso tempo.
    Ekaterina Panikanova interviene con segni controllati e non, costruendo una densa trama di simbologie e archetipi culturali che diventano un tutt’uno con lo sfondo, fino alla negazione delle forme assorbite dal nero assoluto che, come evoca il titolo, è quello che resta dopo il fuoco.
    Proprio sul tema del fuoco l’artista ha realizzato un nuovo video in bianco e nero, dove le immagini scorrono come in un libro sfogliato lentamente.


 


BACKNEXT
UN, DUE, TRE, FUOCO
Ekaterina Panikanova
#2012
EKATERINA PANIKANOVA
One, Two, Three, Fire
November 23rd 2012 - January 10th, 2013
ALL WORKS


Loading